lunedì 3 giugno 2013

LA NOTTE CHE DA IGGY POP MI TRASFORMAI IN SYD BARRETT Di Danilo Jans Capitolo Primo : Ho vissuto quando tutti erano vivi

LA NOTTE CHE DA IGGY POP MI TRASFORMAI IN SYD BARRETT Di Danilo Jans
 
Capitolo Primo :
Ho vissuto quando tutti erano vivi
 
Stanotte ho preso in mano un cd con un concerto di David Bowie del 1971.
A quei tempi Bowie non era ancora nessuno o poco piu',esplose l'anno dopo,diventando Ziggy Stardust e i suoi Ragni di Marte,ma a parte questo:Io che cosa facevo nel 1971?.
Cosa faceva un pischello di 14 anni in quello spazio temporale che dai felicissimi e tristi anni '60 ci portavano tutti nel decennio del caos degli anni '70,che ancora regolano la mia vita,indifferente a questa truffa illusiva dei 2000 e i suoi derivati?.
Il 5 Luglio i Led Zeppelin si erano esibiti al Vigorelli di Milano.Esibiti...è un modo di dire...Il Cantagiro,un carrozzone musicale che portava i divi e divetti post-beat nei vari paesi d'Italia,aveva deciso di rinvigorire la manifestazione con un ospite straniero che attirasse veramente i giovani,che non ascoltavano piu' di sicuro quello che passava lo Stato in Tv.Chi meglio dei Led Zeppelin,che tra parentesi erano in tour con la migliore verve e scaletta della loro carriera?...ma questo si sapra' dopo.
Inutile dire che un Italia che in quel periodo passava da un tentativo di golpe di destra all'altro,affronto' la cosa piazzando intorno al Vigorelli l'intero esercito in assetto da guerra,colpi in canna compresi,che avremmo rivisto mesi dopo in Cile con il golpe Pinochet e la sua dittatura di omicidi.
Sul palco l'organizzazione davanti ad una folla di 10 mila persone e altrettante che cercavano di entrare in quel buco tento' di far cantare i soliti Milva,Morandi ecc..ma fischiatissimi se ne andarono subito.
I Led Zeppelin suonarono i 20 minuti,che ancora oggi possiamo ascoltare,grazie al miracolo Internet,poi l'esercito attacco' definitivamente quel luogo sinistro con decine di candelotti lacrimogeni.la distruzione del Vigorelli e il pestaggio del pubblico piangente e ferito, come potete vedere nelle scene finali di Fragole e Sangue.
I Led Zeppelin si barricarono chi nei cessi,chi nell'infermeria.I roadies salvarono il possibile della strumentazione preda di furti e il gruppo non rimise piu' piede in Italia,che dopo la Grecia dei colonnelli e le bombe di Piazza Fontana e Roma,si apprestava a diventare definitivamente uno stato fascista dell'asse Grecia-Italia-Spagna, tentando di eliminare definitivamente questa massa di capelloni debosciati che svergognavano le italiche virtu' e i suoi valori violenti e dittatoriali,secondo i calcoli del Potere Politico di quegli anni e che per puro miracolo si tramuto' in burletta,come si vede nel film:Vogliamo i Colonnelli di Monicelli.
Ai tempi andare ad un concerto rock era un impresa avventurosa tra mitologìa e miracolo.Nessuno di noi aveva un auto,nemmeno quelli sopra i 20 anni e si diventava maggiorenni a 21.Le città erano mete irraggiungibili e inverosimile era l'idea di chiedere i permessi di fuga a gemitori che guardavano solo la tua pagella ed erano terrorizzati che qualche millimetro di capelli potesse andare sopra le orecchie.
Percio' chi affrontava un viaggio verso un Palasport di Torino o Milano doveva prima di tutto scappare di casa e darsi disperso per qualche ora o giorno,con l'improbabile possibilità di essere ripreso in casa.Messo in conto questo doveva cercare un tizio,un amico,un parente che avesse uno straccio di auto,un ape,un trattore,per farsi i 150 chilometri di andata e ritorno fino a ,mettiamo,Torino.
La scelta di solito cadeva su personaggi che uscivano dal Beat,non visivamente rivoluzionari o hippie come noi,ma che se convinti sulla validità dell'evento potevano essere disposti a mettere a disposizione la loro 500 Abarth per il viaggio fatidico.
Di solito la formazione partente da Pont Saint Martin,mio paese natale,era così formata:
Alla guida della 500 una cugina esperta di balere e balli yè.yè,lontana dal panorama rock,che ti accompagnava per curiosità e che per tutto il viaggio ti avrebbe interrogato sul colesterolo della nonna,ricordandoti di quando bambino ti eri mezzo pisciato addosso,vittima di uno scherzo horror nelle nottate passate a correre nei prati di notte.
Oppure alla guida poteva essere un amico piu' grande molto paterno col terrore continuo che ti infilassi un ago di droga nel braccio,non sapendo che una goccia di sangue avrebbe fatto svenire l'intero drappello di rocker.
Oppure ancora poteva guidare la famosa 500,sempre lei,in dotazione perenne ai giovani del periodo,un collega di scuola ripetente totalmente disinteressato alla cosa ma in perenne crisi di solitudine,praticamente cieco,ma con patente fornita grazie agli appoggi di un prozio arcivescovo,,che avrebbe portato il terrore nella compagnia ,inforcando al contrario tutti i controviali e sensi unici di Torino,tra bestemmie decli incontristi e crisi di panico nostre insieme ad ovazioni verso Padre Pio e visioni di miraggio di un Palasport che la notte ci nascondeva sadicamente.
Interessante è ricordare come era fatta questa macchina.
Di solito l'interno era presieduto da un volante in simil pelle nera,nettamente piu' piccolo di quello in dotazione all'acquisto con l'insegna centrale del clacson di uno scorpione o di una pin-up in bikini ,semovibile nelle curve, da un sistema idrico interrno sicuramente brevettato da un pazzo.Il tutto faceva molto giarro-tamarro,ma adesso direbbero semplicemente kitch.
L'accensione della 500 non avveniva dalla chiave,ma da una leva vicino al sedile che gracchiando ,come una colonia di rane raceudiche, nella migliore delle ipotesi accendeva la macchina.Tra le altre prerogative medievali dell'auto c era la famosa "doppietta",naturalmente niente di porno,ma un gioco di piedi tra accelleratore e frizione che ti pernetteva di fare il cambio di marcia e di vantarti poi con il pubblico dietro nel caso di riuscita perfetta,manco fossi un Nuvolari.
Nella zona centrale,a destra del guidatore,c'era regolarmente un registratore Philips a cassette,lo stesso che si usava in casa,ma che un sistema algebrico di fili proveniente dal motore,dava la possibilità di sparare musica nell'abitacolo,grazie anche a vecchi altoparlanti estratti da morenti stereo della zia o del vicino.
Naturalmente nella bolgia fumante dell'abitacolo ognuno voleva infilare la cassetta preferita.Mi ricordo di lotte fraticide tra Premiata Forneria Marconi e King Crimson oppure tra i Deep Purple e gli Osanna.Purtroppo alla fine decideva l'annoiata fidanzata del possessore di macchina,che totalmente scosciata nella sua minigonna panna,nel sedile passeggero davanti,aveva assistito con sopportazione alle nostre cazzate,ben sapendo che alla fine il potere decisionale l'avrebbe avuto lei,pena la mancata scopata nel dopo concerto al sudato autista.
Infatti lei pesantemente truccata in lamè con tetta esibente e contraria alla spedizione,piu' interessata ad un programma televisivo o un dancing,alla fine avrebbe detto in un misto italiano-tedesco con gran diffusione di erre mosce ed adenoidi alla Thoeni :"Ma dai metti Superrrrrsonic!".E il soggiaqente pilota avrebbe attuato diligentemente il piano B.Esclusione del mangianastri e connessione di una piccola radiolina che con rumori tetri ci avrebbe riempito di canzoncine tipo Slade,Sweet,Abba o burinate simili ,con commenti nel retro macchina silenziosi sulle attività di bocca della tipa e pettegolezzi sulla vita della madre.
Naturalmente tutto questo avveniva mentre l'auto sfrecciava nella nebbia al massimo della sua velocità e anche di piu' grazie a miracolosi carburatori piazzati dal conoscente del cognato meccanico.
Il sedile dietro della 500 era di solito formato da 3 persone,ma spesso si arrivava a 4,schiacciatissimi negli eskimo verdi e circondati da una cappa di fumo che ad un certo punto provocava un forte bruciore agli occhi e conseguente apertura del finestrino in corsa,,che faceva irrimediabilmente disperdere il prezioso calduccio accumulato nell'ora di viaggio.
Quasi mai le ragazze della nostra età venivano ai concerti.O non le facevano uscire oppure preferivano cornificarci in tetri balli a palchetto delle Valle D'Aosta assieme a vaccari motociclisti con gravi problemi di linguaggio e deambulatori.
Noi,d'altra paqrte ci sentivamo come degli dei,dei novelli Ulisse o Kerouac con davanti la libertà della notte e nessun problema o idea del futuro.Ce ne sbattevamo il cazzo del futuro.Tutto sarebbe continuato sentendoo musica e cazzeggiando sui motorini tutta la vita,con l'unico problema di alzare la ruota davanti del Ciao oppure di ficcarci una lunga forcella come quella di Easy Rider.Naturalmente tutte queste non aspettative erano follìa pura,sostenuta pallidamente da uno spirito libero di un pensiero diverso che ancora pervade qualcuno di noi irriducibile.
Il bello sarebbe stato il giorno dopo,quando da veri eroi avremmo raccontato ai non fortunati rimasti a casa le gesta di Santana o Peter Gabriel e a svagate ragazzine, al mattino alla stazione,prendendo il treno che ci portava a Ivrea a scuola,intente a cambiarsi gli abiti per bene che indossavano all'uscita da casa per vestirsi da hippie e da figlie dei fiori,passare la giornata in quel modo,per ricambiarsi in treno nel ritorno a casa serale e la conseguente ispezione della ecclesiastica madre.
Ma tornando al viaggio,anche questo prima o poi finiva e si riusciva a trovare il Palasport.Se si era fortunati non c'erano scontri con la polizia.Gli autoriduttori cntinuavano a chiedere i concerti gratuiti,benchè costassero non piu' di 1500 lire per una star estera.
Veramente ersaltante era il momento che dopo essere entrati nei corridoi del Palasport ti si apriva una tenda ,tipo quelle dei cinema e ti si presentava un enome muro umano di migliaia di persone vocianti e ti mettevi alla ricerca di uno spazio per vedere bene il concerto e magari riuscire a registrarlo in cassetta.
Questa cosa era un nostro scopo preciso ,che adesso prende un valore cultirale e storico notevole.Grazie a questa attività riusciamo ancora a sentire vecchi concerti dei Santana,dei Genesis,della Premiata,Battiato o altri,ma sopratutto risentiamo le nostre voci di ragazzi di quei tempi lontanissimi e la nostra eccitazione.Senza questi nastri tutto sarebbe sparito e a cosa sarebbe servito vivere questi momenti?.
Risentendo il concerto dei King Crimson a Torino del 1973 si sente lo speaker che supplica 2 ragazzine di 14 anni ,scappate dalla Val Di Susa per seguire a Torino questo concerto ,di tornare a casa.Questo fa pensare visto la difficoltà della musica dei King Crimson negli album di allora.Eppure non solo quattordicenni capivano perfettamente i passaggi piu' difficili degli album e passavano le nottate tra di loro ad ascoltare questi dischi.Centinaia di migliaia di questi LP erano venduti e in testa alle classifiche c'erano Genesis,Mahavishnu Orchestra,Yes ecc...La parte del cervello del giovane si era allargata e progradita fino a capire perfettamente sia il rock piu' difficile che il jazz.
La rivoluzione industriale e dittatoriale che dal dopo punk rivoluziono' le case discografiche e le radio gestite interamente da multinazionali ha invece regredito la capacità musicale del cervello,che ormai comprende solo certe strutture facili e puerili,incapace di capire strutture piu' elaborate e artistiche che in quegli anni liberi invece fluivano con facilità spontaneamente.

Inizi anni '70.Tutti erano vivi.
Avrei potuto incontrare Picasso o Dali'.Incrociare Fellini o andare a vedere Carmelo Bene.Chiunque dei miei eroi era vivo,Girava per il mondo.
Adesso non c'è piu' nessuno o quelli che ci sono non mi interessano.
Come si fa a non tornare a quesgli anni?.


Danilo Jans

PS:
Negli anni ho incontrato decine di persone che mi hanno raccontato di essere state al Concerto dei Led Zeppelin al Vigorelli e mi hanno raccontato le loro devastanti visioni...Naturalmente non è vero nulla,sono invenzioni,Sono medaglie che uno si porta per combattere l'inutilità della vita odierna e sentirsi per un attimo eroe ascoltato di qualcosa che avrebbe voluto vivere ma per mancanze logistiche e di coraggio non ha vissuto...Un po' come quelli che raccontano di aver visto Hendrix a Milano,,,eroi senza gloria...Forse per quello io e i miei amici registravamo o fotografavamo questi eventi,,,
Per dare una credibilità alle nostre avventure ,adesso,incredibili.

LED ZEPPELIN - Velodromo Vigorelli Milano 5 Luglio 1971 AUDIO
http://rockrarecollectionfetish.blogspot.it/2012/05/led-zeppelin-velodromo-vigorelli-milano.html
Personaggi della Bassa Valle ripresi dalla RAI al Concerto dei Genesis a Torino nel 1974
http://rockuniversityilblogchesegnalailrock.blogspot.it/2011/03/personaggi-della-bassa-valle-ripresi.html
DAL VIVO - I CONCERTI A RIMINI DEL 1974 di ALAN SORRENTI IBIS e KEITH JARRETT in Articolo e Audio Di Enzo Caffarelli e Danilo Jans
http://helaberarda.blogspot.it/2012/05/dal-vivo-i-concerti-rimini-del-1974-di.html
UNO - Salone Fieristico Rimini Italy Estate 1974
http://rockrarecollectionfetish.blogspot.it/2012/10/uno-salone-fieristico-rimini-italy.html
POP MEETING Palazzetto Dello Sport Parco Ruffini Torino Italy 19 Maggio 1974
BATTIATO CLAUDIO ROCCHI PERIGEO EDOARDO BENNATO
http://rockrarecollectionfetish.blogspot.it/2011/01/torino-pop-meeting-1974-palazzetto.html
Edoardo Bennato - Palasport Torino 19 Maggio 1974
http://rockrarecollectionfetish.blogspot.it/2011/02/edoardo-bennato-torino-pop-meeting.html
GOBLIN - Live Big Ben Ivrea 1975
http://rockrarecollectionfetish.blogspot.it/2012/02/goblin-live-big-ben-ivrea-italy-1975.html
PREMIATA FORNERIA MARCONI - Live Sporting Club Santhia Vercelli 1975
http://rockrarecollectionfetish.blogspot.it/2012/02/premiata-forneria-marconi-live-sporting.html
SUZI QUATRO - Live Sporting Club Santhia Vercelli 1975
http://rockrarecollectionfetish.blogspot.it/2011/02/suzi-quatro-sporting-club-santhia.html
Edoardo Bennato - Live Sporting Club Santhia Vercelli 1978
http://rockrarecollectionfetish.blogspot.it/2010/04/edoardo-bennato-live-sporting-club.html
Santana - Palasport Torino 3 Dicembre 1973
http://rockrarecollectionfetish.blogspot.it/2012/02/santana-palasport-torino-italy-3.html
Genesis - Palasport Torino 3 Febbraio 1974
http://rockrarecollectionfetish.blogspot.it/2012/01/genesis-palasport-torino-italy-3.html
IBIS - Live Altro Mondo Rimini 1974
http://rockrarecollectionfetish.blogspot.it/2011/05/ibis-altro-mondo-rimini-italy-1974.html
Eugenio Finardi - Stadio Pistoni Ivrea 20 Agosto 1979
http://rockrarecollectionfetish.blogspot.it/2012/01/eugenio-finardi-crisalide-stadio.html
Eugenio Finardi - Live in Aosta 1977
http://rockrarecollectionfetish.blogspot.it/2011/02/eugenio-finardi-live-in-aosta-italy.html
AREA - Live Moog Aosta 1973
http://rockrarecollectionfetish.blogspot.it/2011/05/area-discoteca-moog-aosta-1973.html

GENESIS "LIVE" : TOURNEE IN ITALIA Di Pino Guzman
http://helaberarda.blogspot.it/2012/10/genesis-live-tournee-in-italia-di-pino.html
GENESIS : CRONISTORIA DI UN TOUR Di Marco Ferranti 
http://helaberarda.blogspot.it/2012/10/genesis-cronistoria-di-un-tour-di-marco.html
ESPLOSIONI SONORE : I GENESIS A TORINO NEL 1975
http://helaberarda.blogspot.it/2012/09/esplosioni-sonore-i-genesis-torino-nel.html
VAN DER GRAAF GENERATOR : LACRIME SUL PASSATO Di Manuel Insolera
http://helaberarda.blogspot.it/2012/05/van-der-graaf-generator-lacrime-sul.html
KING CRIMSON : IL SACRIFICIO DELLA TRANSIZIONE Di Maurizio Baiata
http://helaberarda.blogspot.it/2012/08/king-crimson-il-sacrificio-della.html
FRANCO BATTIATO : ELOGIO DI UN COMPUTER GENIALE Di Fiorella Gentile e Carlo Massarini
http://helaberarda.blogspot.it/2012/12/franco-battiato-elogio-di-un-computer.html
INTERVISTA ROMANA A FRANK ZAPPA : ALLORA MR. ZAPPA CHI SEI?
Di Manuel Insolera
http://helaberarda.blogspot.it/2012/06/intervista-romana-frank-zappa-allora-mr.html
DEEP PURPLE : IL SUCCESSO E' COLOR PORPORA Di Marco Ferranti
http://helaberarda.blogspot.it/2013/01/deep-purple-il-successo-e-color-porpora.html
SUL FILO DEGLI YES : IL CONCERTO AL PALAEUR DI ROMA DEL 23 APRILE 1974 - L'ARTICOLO,LE INTERVISTE,LE FOTO E L'AUDIO Di Marco Ferranti e Maria Laura Giulietti 
http://helaberarda.blogspot.it/2012/12/sul-filo-degli-yes-il-concerto-al.html
IL 1° BE-IN A NAPOLI,WIGHT A CASA NOSTRA Di Fiorella Gentile,Dario Salvatori,Maurizio Baiata e Piero Togni
 http://helaberarda.blogspot.it/2012/12/il-1-be-in-napoliwight-casa-nostra-di.html
ROVESCIO DELLA MEDAGLIA : IL DIRITTO DEL ROVESCIO Di Enzo Caffarelli e Piero Togni
http://helaberarda.blogspot.it/2012/12/rovescio-della-medaglia-il-diritto-del.html
LE ORME : IL DISCO DAL VIVO Di Enzo Caffarelli
http://helaberarda.blogspot.it/2012/11/le-orme-il-disco-dal-vivo-di-enzo.html
POPOFF : RADIOGRAFIA DI UNA TRASMISSIONE CHE PIACE Di Piergiuseppe Caporale
http://helaberarda.blogspot.it/2012/09/popoff-radiografia-di-una-trasmissione.html
SANTANA - COMPLETE SESSIONS DAL VIVO AL PALATRUSSARDI DI MILANO ITALY IL 15 OTTOBRE 1994 Prima Paste Di Danilo Jans
http://helaberarda.blogspot.it/2012/10/sa.html
JETHRO TULL - COMPLETE SESSION PALASTAMPA TORINO ITALY 6 LUGLIO 2003 Prima Parte Di Danilo Jans
http://helaberarda.blogspot.it/2012/08/jethro-tull-complete-session-palastampa.html
DEEP PURPLE - COMPLETE SESSION PALASPORT PARCO RUFFINI TORINO ITALY 1993 VENTENNALE Di MADE IN JAPAN Prima Parte Di Danilo Jans
http://helaberarda.blogspot.it/2012/08/deep-purple-complete-session-palasport.html
A PIEDI NUDI NEL PARCO LAMBRO  Di Rocchi,Masotti,Lelli,Fariselli
http://helaberarda.blogspot.it/2012/04/piedi-nudi-nel-parco-lambro-di.html
SPECIALE SANTAMONICA ROCK FESTIVAL - L'AUTODROMO RIBOLLE ROCK
http://helaberarda.blogspot.it/2012/04/speciale-santamonica-rock-festival.html
I CONCERTI A MILANO DEGLI ATOMIC ROOSTER NEL 1972 CON AUDIO
http://helaberarda.blogspot.it/2012/08/i-concerti-milano-degli-atomic-rooster.html

VIDEO
LED ZEPPELIN  - 1971-07-05 - Milan, Italy Since I've Been Loving You 
http://www.youtube.com/watch?v=ynPdkjbyYlc
LED ZEPPELIN - 1971-07-05 - Milan, Italy Black Dog
http://www.youtube.com/watch?v=seKapDSGxFA
LED ZEPPELIN - 1971-07-05 - Milan, Italy Dazed & Confused
http://www.youtube.com/watch?v=a6DmKUYU2Zg
Genesis Live at Palasport Turin 3 Feb 1974 
http://www.youtube.com/watch?v=eqjgcKeqaqM
Genesis Torino 74 Rai 
http://www.youtube.com/watch?v=56T7zDqL7Bk
King Crimson - Live - Palazzetto Dello Sport , Brescia , Italy . March 20 , 1974 
http://www.youtube.com/watch?v=kMDi3Bx0ruk&playnext=1&list=PL805E2DA55B743806&feature=results_main
Van der Graaf Generator - Killer, Live Pop2, 1971 (Remastered) 
http://www.youtube.com/watch?v=SclqCKw64EA
Soft Machine live on RAI 1974 
http://www.youtube.com/watch?v=GbpCytikAEM
Premiata Forneria Marconi 1972 Feb. 8? TV Appearance ( PFM P.F.M. ) 
http://www.youtube.com/watch?v=dbmEHrKK41I
"TUTTI INSIEME" 1971 completo 
http://www.youtube.com/watch?v=kCZyXBtxQTM
Osanna-Non sei vissuto mai  Rai Tv Arbore
http://www.youtube.com/watch?v=st5bEcrKpgM
JAMES BROWN - Give it up or turn it loose  - Live Palasport, Bologna Italy  RAI 1971
http://www.youtube.com/watch?v=dTJEu7Tngaw
Jimi Hendrix Milano 23 maggio 1968 
http://www.youtube.com/watch?v=c1YOvOQF34A
JIMI HENDRIX HEY JOE MILANO - BOLOGNA 
http://www.youtube.com/watch?v=POJg0G8Ouuk
Jimi Hendrix Roma 24 maggio 1968 first show 
http://www.youtube.com/watch?v=MTrgZ3GaSS4
Be in Napoli 1973 -Raffaele Cascone (annuncio) + dj Nico 
http://www.youtube.com/watch?v=CRYNqRSRynA
Garybaldi -Sette? - 1° Be-In - Villaggio Kennedy - NAPOLI 19-21 giugno 1973 
http://www.youtube.com/watch?v=T9EefD6yv8o
Aria di rivoluzione e Propiedad prohibida - Battiato - Torino 1974 live 
http://www.youtube.com/watch?v=70ZB-82JFKo
area live in Torino 1977 [EQUALIZED]
http://www.youtube.com/watch?v=yeoN6ZXntq0
Nudi Verso la Follia - Parco Lambro 1976 - 1 
http://www.youtube.com/watch?v=4tK4D8fo6Qg
Area - Parco Lambro 1976 
http://www.youtube.com/watch?v=lOk7zWoDHrY
SENSATION'S FIX - JUST A LITTLE BIT ON THE CURVE PARCO LAMBRO 1976
http://www.youtube.com/watch?v=23TfPPnImWU
Pink Floyd - Live - Palazzetto Dello Sport (Palaeur), Eur , Roma . June 20 ,1971 . ( Full Concert ) 
http://www.youtube.com/watch?v=yOjo_L5Ej58
Van Der Graaf Generator Lemmings live Rome 1972 
http://www.youtube.com/watch?v=imh_0b7kra4